Turismo a Kathmandu (NEPAL), ottobre 2010

L'arrivo

Leggendo ciò che molti hanno scritto sul loro primo arrivo a Kathmandu ho notato che dicono le stesse cose: catapultati in un altro mondo, "choc culturale", traffico caotico, caos indescrivibile.
Essendo stato a Il Cairo avevo già avuto un assaggio di tutto ciò. Poi mi sono abituato gradualmente alla capitale del Nepal. Sono arrivato di notte, la città era scarsamente illuminata per cui all'inizio non ho visto nulla. Mi sono soltanto reso conto degli scossoni inferti all'automezzo dalle buche delle strade. La mattina seguente ho fatto un giro nella zona dell'hotel prima di iniziare le visite turistiche.

Il traffico è certamente intenso ma secondo me non è tanto peggiore di quello di Milano, dove lavoro. A fare la differenza è lo smog, che a Kathmandu è molto più percepibile: auto, furgoncini e un'infinità di motociclette si muovono con motori vecchi e non catalitici.

Una delle prime cose che ho notato è che ad ogni incrocio c'è almeno un vigile o un poliziotto. Magari è anche per questo che la criminalità è bassa.

Kathmandu sorge a 1300 metri di altezza, in una grande conca circondata da colline alte 2000-2700 metri. Ha ormai inglobato l'antica città di Patan mentre Bhaktapur mantiene ancora una certa distanza dalle case della capitale. Da alcuni punti della città, quando il cielo è limpido, si vede qualche cima dell'Himalaya che però da qui non ha l'imponenza che mostra da vicino.

Il centro città è piuttosto grande e ricco di monumenti. Si gira bene a piedi ma dopo un pò si è infastiditi dallo smog (alcuni usano le mascherine). I templi famosi del "Temple Tour" si trovano fuori dal centro ma sempre in città e si raggiungono di solito con automezzi.

Primo itinerario: Temple Tour (Swayambhunath, Pashupatinath, Boudhanath)

In Nepal esistono tre tipi principali di templi:

  • a pagoda utilizzati dagli indù
  • a forma di montagna sia per gli indù sia per i buddisti
  • gli "stupa" solo buddisti
    Comincio il tour dal grande tempio buddista ("stupa") di Swayambhunath, situato su una piccola collina nella parte ovest della città. E' spesso chiamato "tempio delle scimmie" per i numerosi primati che vivono nelle sue vicinanze.
    Uno stupa, grande o piccolo, contiene 5 statue di Buddha: 4 rivolte verso i punti cardinali e una in mezzo che non è mai visibile. E' sormontato da una spirale che rappresenta i passi che l'anima deve fare per purificarsi e salire in paradiso, il famoso "Nirvana". Attorno a uno stupa ci sono i rulli e le bandiere di preghiera. Entrambi portano scritte preghiere buddiste: ruotare i rulli equivale a recitarle mentre il vento le diffonde nel mondo. Lo stupa di Swayambhunath non fa eccezione.
    L'adiacente monastero contiene una statua di una dea tibetana la cui storia è curiosa. Secondo la tradizione la conca in cui sorge Kathmandu era occupata da un lago. La dea tibetana tagliò una collina con un colpo di spada permettendo alle acque di defluire verso est e al posto del lago sorse la città. Ovviamente un geologo fornirebbe un'altra spiegazione.

    Lo stupa di Swayambhunath Lo stupa di Swayambhunath La dea tibetana

    Pashupatinath si trova dall'altra parte della città (est) rispetto a Swayambhunath. Per raggiungerlo da qui si deve quindi puntare verso il centro città aggirandolo con la circonvallazione. Superato il ponte sul Bagmati si è nei pressi del tempio (più avanti c'è l'aeroporto). Si sperimenta la noncuranza con cui gli autisti centrano le numerose buche dell'asfalto, irrispettosi di auto e passeggeri, forse perché sono talmente tante...

    Pashupatinath è un tempio indù sul fiume Bagmati e dedicato a Shiva . L'ingresso è riservato agli induisti, gli altri si devono accontentare di guardarlo dalla sponda del fiume.
    Se per Buddha c'è un solo Dio, l'induismo ha 33 milioni di Dei.

    Il tempio di Pashupatinath sul fiume Bagmati

    A Pashupatinath si viene anche per le cremazioni dei defunti. Ogni casta ha il suo settore dedicato alla cremazione. Le ceneri dei defunti seguono il corso del Bagmati che sfocia nel sacro Gange.
    All'interno del tempio vive una vacca sacra, il cui latte esce sulla scalinata a ridosso del fiume e ci sono persone che lo utilizzano per lavarsi o lo raccolgono con secchi.
    Anche qui si trovano molte scimmie (macachi). Poco distanti dal fiume vivono alcuni uomini ritenuti santi.

    Il tempio induista di Pashupatinath A Pashupatinath si viene anche per le cremazioni Cremazione
    Raccolta del latte sacro Anche qui abbondano le scimmie Sant'uomini

    Il grande "stupa" di Boudhanath non è distante da Pashupatinath. Si trova in un'area abitata dalla comunità tibetana. Molti negozi attorno espongono pertanto prodotti dell'artigianato del Tibet e molte persone di origine tibetana vengono a pregare qui.
    Anche qui c'è un monastero, dove possiamo vedere tipici disegni buddisti. In particolare la ruota della vita ("mandala") illustra le varie attività che una persona può svolgere e racchiude due zone nel suo cerchio: nella parte superiore i disegni mostrano l'anima virtuosa che sale al "Nirvana" (il paradiso per il buddisti), nella parte inferiore l'anima che cede alle tentazioni e precipita all'inferno. Il tutto sotto i tre occhi di Dio: per il passato, il presente e il futuro.

    Stupa di Boudhanath Rullo di preghiera In alto l'anima virtuosa sale al Nirvana, in basso l'anima non virtuosa cade all'inferno



    Secondo itinerario: Thamel

    Thamel è il quartiere dei negozi dove si concentrano i turisti. Vi si trovano alimentari (anche marche europee), gioiellerie, artigianato, attrezzatura per il trekking (zaini, giacche, borracce e tutto il resto), librerie (molto fornite anche di mappe), qualcosa di elettronica (batterie, macch.fotografiche, telefonini) e altro. E' percorso da alcune strade strette intasate di pedoni, biciclette, risciò e taxi.

    Thamel: risciò e turisti Thamel: risciò, taxi e negozii
    Confusione a Thamel Thamel: negozi e ambulanti



    Terzo itinerario: Durbar square

    L'itinerario che propongo inizia dal Rani Pokhari (pokhari=laghetto), uno specchio d'acqua voluto da una regina in memoria del figlio. Si scende lungo la Kanti Path, che è una strada ampia, trafficata ed inquinata che separa a ovest il centro città e ad est una zona con un parco pubblico, un campo sportivo, un grande prato per lo svago (non aspettatevi di trovare cartelli con i nomi delle strade).
    Tra la Kanti Path e Durbar Square c'è la bianca Dharahara Tower chiamata anche Bhimsen Tower. Salendovi in cima si vedono il panorama della città e con tempo bello alcune vette dell'Himalaya tra cui il Ganesh Himal che ha varie cime oltre i 7000 metri.
    Percorrendo la New Road entro quindi in Durbar square da est, in un'ampia area con a destra il bianco edificio dell'ex Palazzo Reale. Svolto l'angolo di Palazzo Reale ed entro in settore di Durbar square pieno di templi. Al limite meridionale si trova la Kastamandap, vecchio edificio attorno a cui sorse la città.

    Durbar square parte est. A destra l'ex palazzo reale. La Kastamandap, vecchio edificio attorno a cui sorse la città Durbar square a Kathmandu

    Percorrendo tutta la piazza verso nord si passa in mezzo ai templi dedicati alle varie divinità. Se il tempio è in onore di Shiva è facile che il dio sia scolpito con il pene allungato. Si trova anche una lastra dove lo stesso Shiva si presenta invece con aspetto minaccioso brandendo armi e teschi.
    Durbar square viene visitata da molte persone, sia turisti sia nepalesi, e vi sono diffusi i risciò. Non mancavano alcune vacche che giravano indisturbate per ricordare una volta di più che siamo nel cuore dell'Asia.

    Templi Narayan e Shiva Shiva in versione minacciosa Durbar square lato nord

    Uscendo da Durbar square verso nord si può proseguire nel bazar. Anche se l'ho trovato piuttosto sporco consiglio di percorrerlo almeno fino a Indra Chowk (chowk=cortile, piazza), che è un punto molto trafficato da pedoni, bici e motociclette (e l'unico dove ho visto un cartello indicatore di via/piazza). E di proseguire più avanti fino alla piazza con il piccolo tempio di Annapurna (Dea delle messi o del grano o dell'abbondanza). Da qui facilmente si torna sulla Kanti Path vicino al Rani Pokhari.

    Panorama dalla torre Dharahara, sullo sfondo il Ganesh Himal Tempio di Annapurna Trasporto carichi



    Quarto itinerario: Bhaktapur

    Per andare a Bhaktapur usciamo in auto dal centro di Kathmandu: strade piene di buche, una piena di scimmie. Prendiamo la tangenziale, dove ho visto l'unico semaforo durante la mia visita, passiamo il fiume Bagmati nella zona di Pashupatinath, transitiamo vicino all'aeroporto e percorriamo la periferia. Qui le case sono più modeste e certe zone hanno l'aspetto di una baraccopoli. Le motociclette sfrecciano ovunque.

    Bhaktapur, chiamata anche Bagdaon, è stata una città importante nella storia del Nepal. All'incirca nel nostro medioevo il paese era diviso in tanti regni e uno dei più importanti era appunto Bhaktapur. I Re Malla furono gli artefici dell'unificazione.

    Andando a Bhaktapur, oltre che da alcuni punti della città, potete vedere sullo sfondo l'Himalaya. In particolare il Ganesh Himal (m.7429), il Langtang Lirung (m.7227), il Gan Cherpo, il Dorje Lakpa (m.6966) che da qui appare aguzzo.

    Nella periferia di Kathmandu Tra Kathmandu e Bhaktapur Andrea in Durbar square di Bhaktapur

    In origine Bhaktapur venne costruita per assomigliare alla ruota del pavone. Anche Bhaktapur ha la sua Durbar square, ma a differenza di quella di Kathmandu (e di Patan, come vedremo più oltre), gli edifici monumentali si trovano soprattutto ai lati perche quelli in mezzo alla piazza vennero distrutti da un terremoto nel 1934.
    Le sue case sono costruite quasi tutte in mattoni rossi. Tra esse si aprono alcune piazze dove si trovano importanti edifici religiosi.

    La mia visita parte proprio da Durbar square, poi varcando la Porta d'Oro entriamo nell'area del "Palazzo delle 55 finestre" per vedere il bagno reale. Questo è uno specchio d'acqua sporca (ma ci sono persone che vengono a prenderla) con annesso spogliatoio e statue di grandi cobra dappertutto. Fortunatamente i cobra veri non vivono anche da queste parti ma nella jungla ai confini con l'India.

    I leoni sono il simbolo dei Malla, che furono Re del Nepal I bagni reali Ii pavone, simbolo della città
    In fondo il Palazzo delle 55 finestre, a sinistra la colonna del Re Malla, a destra il tempio Batsala Durga Particolare del tempio Batsala Durga Per le vie di Bhaktapur

    La guida ci accompagna in un tour che tocca i principali punti di interesse della parte est della città ma anche alcune strade dove siamo gli unici turisti. E dove possiamo vedere alcuni momenti di vita rurale, dal lavoro del riso all'allevamento di pollame. La strada principale è invece piena di negozi. Ci sono anche molti studenti, riconoscibili dall'età e dalle divise, per cui suppongo la presenza di qualche scuola importante.

    A Dattatraya square c'è un caratteristico tempio a pagoda con balcone. Pottery square deve il suo nome alla lavorazione dei vasi di terracotta si svolge nelle immediate vicinanze ed è occupata anche da donne che lavorano il riso. In Taumadhi square potete vedere il tempio Nyatapola che è la pagoda più alta in Nepal.

    Tempio a pagoda con balcone Il tempio Nyatapola, la pagoda più alta in Nepal Si lavora il riso



    Quinto itinerario: Patan Durbar Square

    Patan è la più antica città della valle di Kathmandu e all'epoca della divisione in tanti regni rivaleggiò a lungo con l'attuale capitale. E' ormai inglobata in Kathmandu e si trova appena a sud di essa, oltre il fiume Bagmati.

    Il cuore di Patan si chiama anche qui Durbar square. Vi si trovano alcuni templi monumentali, sia a forma di montagna in pietra nera, uno dei quali dedicato al dio Krishna, sia a forma di pagoda.

    Patan: Durbar square con i suoi templi Palazzo Reale a Patan Per le vie di Patan. Di fronte a noi un taxi.

    Sul lato est della piazza si trova il Palazzo reale. In un cortile interno le guide indicano il posto dove ancora oggi, un giorno all'anno, vengono sacrificati i bufali.
    Sulla piazza si affaccia anche la "finestra d'oro" dalla quale si affacciavano i Re durante le feste o le cerimonie. Da quando il Nepal è diventato una repubblica, l'attuale Presidente (scrivo nel 2010) non la utilizza.

    Una colonna in mezzo alla piazza sorregge la statua di un Re del Nepal che fronteggia una finestra aperta del Palazzo reale. Le fotografie sottostanti illustrano la storia seguente: il cobra protegge il Re, finchè l'uccello resterà sulla testa del cobra il Re potrà tornare nel suo palazzo attraverso la finestra aperta, perchè fu un re amato dal popolo.

    Il cobra protegge il Re... finchè l'uccello resterà sulla testa del cobra... ...il Re potrà tornare nel suo palazzo attraverso la finestra aperta


    HOME... MONTAGNA... VIAGGI... SPORT... LIBRI... RICETTE